Ricerche

Progetti

Lettera_dott.ssa Migena Kika – Tirana

 


 

ricerca-sociosanitaria1


PREFAZIONE

La presente relazione sui Disturbi dello Spettro Autistico è stata elaborata grazie all’impegno, la dedizione e la competenza di numerose persone. In primo luogo vorrei ringraziare il dott. Aldo Sicignano, Direttore dell’Ufficio per la Cooperazione allo Sviluppo dell’Ambasciata Italiana in Albania, e la dott.ssa Migena Kika, Direttrice del Centro Nazionale per lo Sviluppo e la Riabilitazione del Bambino, che con la loro esperienza hanno coordinato lo studio.

Il presente studio ha visto la collaborazione di numerosi esperti locali ed internazionali operanti nel settore, che hanno offerto il loro valido contributo per fornire un quadro esaustivo sul fenomeno dell’autismo infantile in Albania. In particolar modo vorrei ringraziare la dott.ssa Maria Ludovica Semeraro, docente di pedagogia presso l’Università degli Studi “Roma Tre”, per il contributo accademico offerto durante l’elaborazione della relazione.

Un sentito ringraziamento va al dott. Roberto Raggi, esperto del settore sanitario presso la Cooperazione Italiana allo Sviluppo dell’Ambasciata d’Italia in Albania, e al dott. Arvin Dibra, coordinatore locale del settore presso la Cooperazione Italiana, per il continuo sostegno e supporto durante il lavoro di ricerca.

Il mio riconoscimento va anche alla dott.ssa Eljesa Harapi, responsabile del Dipartimento di Salute Mentale del Ministero della Sanità Albanese, per aver facilitato con il suo intervento il contatto con le strutture socio-sanitarie che si occupano di minori diversamente abili sul territorio albanese e alla dott.ssa Ledia Lazeri, responsabile del locale ufficio dell’OMS in Albania, per aver offerto un contributo essenziale alla comprensione delle tematiche affrontate.

Questo lavoro non avrebbe potuto essere svolto senza la fondamentale consulenza del dott. Enird Malile, che ha attivamente preso parte sia alla ricerca sul campo, che all’elaborazione della relazione. Il dott. Malile, con la sua esperienza di psicologo presso il Centro Nazionale per lo Sviluppo e la Riabilitazione del Bambino, ha sostenuto il lavoro di ricerca offrendo suggerimenti importanti per la comprensione del fenomeno autistico, e facilitando il contatto con i respondabili delle strutture visitate. Un prezioso contributo è stato offerto anche dalla dott. Aurora Cullufi, che si è occupata dell’elaborazione statistica dei dati raccolti durante il lavoro di ricerca.

Vorrei ringraziare infine i responsabili e lo staff delle strutture visitate, gli insegnanti, i genitori e i bambini per la loro disponibilità a collaborare e per la sempre gentile accoglienza riservata durante le visite. La speranza è che questo lavoro di ricerca possa in qualche modo offrire uno strumento utile ad intraprendere azioni future volte a migliorare la qualità di vita dei bambini e delle loro famiglie.

Dott.ssa Maria Teresa Paglia

Vedi tutta la Ricerca sociosantaria sui disordini dello spettro autistico in formato PDF

 


GIORNATA MONDIALE DELL’AUTISMO
STUDIO-RICERCA SUI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO E PROSPETTIVE PER UN SISTEMA DI ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI ALBANESI PER L’AUTISMO

 
world autism day

2 Aprile 2011
In occasione della Giornata Mondiale dell’Autismo, la Cooperazione Italiana in Albania annuncia la conclusione di uno studio-ricerca dal titolo “ALBANIA – I Disturbi dello Spettro Autistico: prospettive per un sistema di accreditamento dei servizi socio-sanitari per l’autismo”. Lo studio è stato condotto da un team di specialisti coordinato dalla Direttrice del Centro Nazionale per la Cura e la Riabilitazione del Bambino, dottoressa Migena Kika, in collaborazione con l’Unità Studi e Assistenza Tecnica, un ufficio di supporto al Ministero della Sanità istituito dalla Cooperazione Italiana nel quadro del programma “Sostegno italiano alla riforma del sistema sanitario albanese”. La ricerca si è inoltre avvalsa del prezioso apporto scientifico della professoressa Maria Ludovica Semeraro, psico-pedagogista e docente presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Roma Tre e di Paola Sinibaldi Vallebona, professore straordinario di Microbiologia e Microbiologia Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.
Il problema delle disabilità infantili è stato riconosciuto dalle autorità locali come un settore d’intervento prioritario e la Cooperazione Italiana ha rinnovato il proprio supporto alle istituzioni albanesi finanziando questa ricerca e svolgendo un’attività di monitoraggio delle strutture sanitarie e para-sanitarie del Paese che si occupano di minori diversamente abili, con l’obiettivo di offrire un quadro esaustivo della domanda e dell’offerta dei servizi a sostegno dei pazienti autistici presenti in Albania.
Le attività di ricerca, che hanno visto la partecipazione di centri di eccellenza italiani e di attori locali e internazionali del settore, quali la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Roma Tre, il Centro Nazionale per lo Sviluppo e la Riabilitazione del Bambino di Kombinat, il Ministero della Sanità, il Ministero del Lavoro, degli Affari Sociali e delle Pari Opportunità e il locale ufficio della World Health Organization, hanno consentito la redazione di un rapporto che offre una panoramica sullo stato dell’autismo infantile in Albania, individuando le principali tendenze d’intervento e le carenze dei servizi offerti in rapporto alle esigenze della comunità.
La sintesi dei dati raccolti costituisce un utile strumento per approntare delle politiche d’intervento volte a migliorare i servizi a sostegno dei minori autistici, le quali non si limitano solo a un miglioramento delle strutture sanitarie e dei trattamenti medici, ma devono necessariamente comprendere anche il supporto alle famiglie, affinché possano raggiungere un equilibrio psicologico e affettivo che permetta loro di affrontare con un atteggiamento realistico e costruttivo le problematiche dei loro bambini.
La Giornata Mondiale dell’Autismo è stata celebrata in Albania con diverse manifestazioni. In particolare, l’Albanian Children Foundation, diretta dalla dottoressa Liri Berisha, ha organizzato una settimana di eventi volti a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle disabilità infantili e dell’autismo e raccogliere fondi per proseguire le ricerche scientifiche. Nel quadro di questi eventi, che hanno visto la partecipazione di numerose personalità politiche e scientifiche internazionali, la Cooperazione Italiana in Albania e la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Roma Tre, nella persona della professoressa Maria Ludovica Semeraro, titolare della cattedra di “Formazione e progettualità nei sistemi per l’integrazione”, hanno presentato i risultati dello studio-ricerca sui disturbi dello spettro autistico al fine di creare una sinergia di intenti e stabilire le basi per una possibile collaborazione tra i diversi attori coinvolti.