SIAECM


SIAECM
attivazione nuovo Dipartimento: PEDAGOGIA

Percorso formativo per ogni individuo sia dal punto di vista teoretico, psicologico che didattico.


Cari colleghi,

S.I.A.E.C.M., come ben sapete ha come mission la Formazione Continua in Medicina, intesa non come formazione nozionistica, ma soprattutto come crescita culturale, sociale e morale dell’individuo.
Già da qualche anno, abbiamo intrapreso un percorso interdisciplinare, ossia, noi medici abbiamo deciso di interfacciarsi con altre figure professionali proprie del campo umanistico: Sociologi, Psicologi, Giuristi, etc. che cultori della materia formativa, condividono con noi il concetto che l’uomo deve essere studiato in modo olistico nel contesto sociale e ambientale in cui si trova.
Dopo questa doverosa premessa e dopo i continui confronti fra le varie figure professionali sappiamo che la formazione post-universitaria è costruita su una formazione dapprima primaria, poi secondaria. Pertanto noi che abbiamo un’esperienza andragogica ancor di più desideriamo ed esigiamo interfacciarci con quella pedagogica.
Tutto questo, come potete ben capire, al fine di creare armonia nel percorso formativo di ogni individuo sia dal punto di vista teoretico, psicologico che didattico.
Per l’occasione abbiamo istituito un Dipartimento di Pedagogia, coordinato dalla Prof.ssa Maria Ludovica Semeraro, cattedra di  Formazione e Progettualità nei sistemi per le minorazioni, dell’Università degli Studi di Roma Tre, la quale sia per passione che per qualità umane e professionali darà un notevole contributo al miglioramento della qualità formativa di SIAECM.
In particolare, la Prof.ssa Maria Ludovica Semeraro è esperta di formazione nell’handicap, settore di particolare attenzione e delicatezza.
In questa società così convulsa ed effimera dove quotidianamente viviamo, rincorrendo sempre qualcosa, formare chi è più sfortunato di noi deve essere un motivo etico di vita, perchè confrontarsi in continuazione permette anche a noi di imparare molto.
Un caro saluto
Il Presidente
Prof. Dr. Carlo Messina